Lo «Spirits Selection by Concours Mondial de Bruxelles»

un marchio di fiducia

La categoria “superalcolici” è stata inserita nel Concours Mondial de Bruxelles (CMB) nel 1999 e si è rapidamente affermata.

L’enorme successo del Concorso e l’organizzazione necessaria al suo buon svolgimento hanno indotto gli organizzatori del CMB a separare le due competizioni.
Dal 2013 “Spirits Selection by Concours Mondial de Bruxelles”, evento di respiro internazionale, vola con le sue ali!

Grazie al sostegno del CMB, il concorso “Spirits Selection by Concours Mondial de Bruxelles” è ormai diventato l’appuntamento internazionale di riferimento che premia i superalcolici provenienti dai quattro angoli del mondo. Whisky, cognac, brandy, rhum, vodka, gin, pisco, grappa, baiju, tequila, e molti altri sono valutati e classificati da una giuria di rinomati esperti internazionali.

Dopo Cile nel 2017, Bulgaria nel 2018 e Cina nel 2019, il prestigioso concorso giunge a Bruxelles, Belgio, dove una giuria di esperti valuterà alla cieca la produzione internazionale il 30-31 ottobre e 1° novembre prossimi.

Spirits Selection by Concours Mondial de Bruxelles, un concorso dal carattere doppiamente internazionale

Il suo processo di selezione, ormai rinomato, è un elemento chiave del concorso.

La giuria Spirits Selection by Concours Mondial de Bruxelles si compone di degustatori provenienti da tutte le regioni del mondo, tra cui Master Blender, Buyer, importatori, formatori qualificati WSET e rinomati giornalisti e scrittori del mondo dei superalcolici. Nel 2019 era composta da 103 degustatori internazionali di 28 nazionalità, una diversità che contribuisce al carattere unico dell’evento e a una  maggiore obiettività dei risultati.

L’organizzazione assicura loro condizioni di degustazione ottimali. La grande diversità di prodotti e le elevate concentrazioni di alcool sono due aspetti che rendono difficile la valutazione sensoriale dei superalcolici. Per questo motivo il numero di campioni degustati durante ogni sessione è volutamente limitato a 35.

Spirits Selection by Concours Mondial de Bruxelles accorda, inoltre, una grande importanza alla formazione dei suoi degustatori.

Sempre in ambito di imparzialità e rigore, dal 2004 gli organizzatori hanno avviato una proficua collaborazione con un’équipe di ricercatori dell’Istituto di Statistica dell’Università Cattolica di Lovanio per l’elaborazione dei risultati e lo studio del profilo di ogni degustatore.

L’organizzazione investe generosamente nel controllo a posteriori dei campioni che hanno ottenuto un riconoscimento. I superalcolici premiati al Concours Mondial de Bruxelles vengono, infatti, sottoposti regolarmente a ulteriori analisi. Tali controlli vengono svolti per garantire la piena soddisfazione del consumatore grazie al label di qualità «Spirits Selection by Concours Mondial».

Il concorso è organizzato in un paese diverso ogni anno ciò accentua il carattere internazionale dell’evento e migliora la visibilità dei superalcolici premiati attraverso il mondo. La scelta del paese ospite non è frutto del caso: gli organizzatori puntano ai mercati in espansione, sia per la produzione che per il consumo di superalcolici..

Testimonial

Parlano di Spirits Selection

Sarebbe riduttivo definirlo un contest perché Spirits Selection by Concours Mondial de Bruxelles offre un’occasione di conoscenza enciclopedica e non solo intorno al mondo degli spiriti. Per tre giorni stampa di settore, critica, consulenza e mondo della produzione si ritrovano, immersi in una cultura nuova, a negoziare la propria percezione e la propria visione del mondo e se non fosse per il valore, indiscutibile, dell’iniziativa tutta, basterebbe solo questo a fare di Spirits Selection un’occasione più che preziosa, direi essenziale, per comprendere tutto quanto il concetto di “spirito” – nell’accezione più alta del termine – esprime, evoca ed esige.

Leila Salimbeni - Italia, Giornalista

Ho pensato molto a questo viaggio e arrivo sempre alle stesse conclusioni: è stato impressionante e assolutamente fantastico! Ho già partecipato ad altri concorsi di spiriti. Normalmente si procede a una degustazione e, il pomeriggio, si segue un piccolo programma turistico. Era quello che mi aspettavo anche dallo Spirits Selection. Che sorpresa! Non avrei mai immaginato di trovarmi davanti a un programma e a un’organizzazione tali! È stato assolutamente fantastico!

Simon Weiss - Germania, Managing Director e Fondatore di Idea Distillers GmhH

Ho partecipato a moltissime competizioni e lo Spirits Selection by Concours Mondial de Bruxelles è in assoluto la migliore. Tutto, la degustazione, il servizio impeccabile, la metodologia di valutazione dei campioni, è estremamente professionale. Sono rimasto impressionato dai colleghi giudici e ho imparato molto. Sono convinto che la Gran Medaglia d’Oro Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles, sia la più alta distinzione di questo tipo di eventi.

Dominic Roskrow - Regno Unito, Caporedattore di Cask Magazine e Whisky Quarterly, ex caporedattore di Whisky Magazine e de Whisky Advocate